قالب وردپرس درنا توس
Home / Intrattenimento / Ezio Greggio nega l'onorevole cittadinanza di Biella senza rispetto per Liliana Segre

Ezio Greggio nega l'onorevole cittadinanza di Biella senza rispetto per Liliana Segre



[ad_1]

Il padre dell'attore per anni nei campi di concentramento

Una settimana fa il consiglio comunale ha respinto una petizione per dare la cittadinanza al senatore a vita, un sopravvissuto alla Shoah e minacciato morte

Condividi [19659004] 19 novembre 2019 Si conclude con la negazione della cittadinanza onoraria da parte di Ezio Greggio che il comune di Biella gli ha offerto una controversia politica per l'onore che Liliana Segre ha respinto. Il sottosegretario all'educazione del Partito Democratico Piemontese e della Pentastellata, Lucia Azzolina, ha criticato la scelta della giunta centrale di destra guidata dal sindaco Lega Claudio Corradino per concedere la cittadinanza al conduttore di Striscia la Notizia dopo una settimana ha respinto la petizione un elenco civico da assegnare al senatore sopravvissuto della Shoah, minaccia di morte. "Senza togliere nulla al noto conduttore televisivo", afferma Azzolina, "la definizione di istituzioni imporrà altre opzioni". "Biella, la città della medaglia d'oro della Resistenza che non merita questo degrado", ha dichiarato il segretario democratico regionale Paolo Furia.

Durante la notte, Ezio Greggio ha dato la cittadinanza che avrebbe dovuto ricevere sabato. "Il mio rispetto per la senatrice Liliana Segre, per tutto ciò che rappresenta, per la storia, i ricordi e il valore della memoria, mi spingerà oltre e non riceverà questo onore che pensa il comune di Biella. di 65 anni attrice, comica e regista. "Non è una scelta contro nessuno", sottolinea Greggio, "ma una scelta a favore di qualcuno, anche per la coerenza e il rispetto di quei valori, della mia storia familiare e della spesa di mio padre. per molti anni nel campo della concentrazione ”.

La cittadinanza che Biella ha offerto allo showman nato a Cossato, nella zona di Biella, vorrebbe riconoscere l'organizzazione "Ezio Greggio per i neonati prematuri" e per "aver contribuito alla diffusione in Italia. e nel mondo il nome di Biella ". La giunta inizialmente lo respinse, poiché era considerata "strumentale", il suggerimento d'onore a Segre presentato dalle liste civiche "Buongiorno Biella" e "Le persone al centro" in riconoscimento di un "testimone della tragedia dell'Olocausto e traduttore dei valori di giustizia e pace per il popolo ”.

[ad_2]
Source link